Addominoplastica

Indicazioni e tecnica chirurgica
Sceda riassuntiva trattamento
ANESTESIA:
Generale // Spinale
DURATA
180  Minuti
RICOVERO:
1 giorno
RITORNO AL SOCIALE:

7 giorni

Ritorno ad attività fisiche pesanti: 

6 settimane

La regione addominale, sebbene spesso nascosta dagli abiti, diventa in determinati momenti completamente esposta, momenti sia intimi che sociali quali giornate in spiaggia/piscina/palestra.

 

Un addome tonico è percepito come segno di benessere e giovinezza, un addome flaccido e pendulo dona al contrario un aspetto senescente alla nostra immagine.

 

Purtroppo lo scorrere del tempo, le variazioni di peso, le gravidanze possono creare una condizione di disarmonia della parete addominale che  purtroppo non riesce a essere migliorata dalla sola attività fisica.

La cute in eccesso, dermatocalasi, non risente se non in maniera marginale della riduzione di peso.

La parete muscolare inoltre in pazienti che hanno avuto in passato variazioni ponderali è spesso alterata con riscontro frequente della distasi, cioè di un allontanamento dalla linea mediana, dei muscoli retti dell’addome.

In cosa consiste l’intervento? 

L’intervento ripristina una normale anatomia della muscolatura, riavvicinando i due muscoli retti addomniali, ma soprattutto va a eliminare la cute e l’adipe in eccesso dalla regione inferiore dell’addome. Spesso la porzione eliminata è quella maggiormente colpita da strie gravidiche e smagliature.
Residua dall’intervento una cicatrice nella regione bassa del ventre che normalmente può essere nascosta dalla biancheria intima e che con il tempo diventa sempre meno evidente.
Sara’ inoltre presente una cicatrice a livello dell’ombellico, necessaria per posizionare lo stesso nella posizione più fisiologica.

Cos’è la Mini-Addominoplastica? 

Per mini-addominoplastica si intende un intervento meno esteso che può essere effettuato in caso di una eccesso cutaneo ridotto, senza spesso la necessità di trasporre l’ombelico.

Non è un opzione che il paziente può scegliere, il tipo di intervento da effettuare dipende dal grado di difetto da correggere.

Verranno eliminate le smagliature?

L’intervento non tratta direttamente le smagliature, comunque tutte le smagliature presenti nella losanga di cute asportata verranno rimosse. Per dare un idea più chiara possiamo dire che tutte le smagliature al di sotto dell’ombelico verranno in genere asportate durante l’intervento.

Cosa fare prima dell’intervento? 

E’ sconsigliabile far uso di acido acetil salicilico o di qualsiasi farmaco contenente questo principio attivo nelle due settimane precedenti l’intervento.  Farmaci da evitare:

Aspirina

Agesal

Aspro

Bufferin

Cemirit

Kilios

Alupir

Vivin C

Viamal

Ascriptin

Alka Seltzer

Anche reintegratori alimentari possono contenere delle sostanze vietate. Chiedete pure durante la visita se è consigliato sospenderli.

In caso un qualsiasi tipo di malessere, febbre, raffreddore insorga durante la settimana precedente l’intervento infomate in maniera tempestiva il nostro TEAM per posticipare e riorganizzare al meglio l’intervento

Cosa apettarsi dopo l’intervento?

Sono in genere presenti nel post-operatorio due drenaggi che saranno rimossi dopo 24-48 ore dall’intervento.
L’area addominale inferiore sara’ inizialmente insensibile, recuperando in maniera progressiva la sensazione tattile e dolorifica.
A tutti i nostri pazienti consigliamo l’utilizzo di guaine elasto-compressive per le prime 3 settimane dall’intervento.
La guaina potrà in maniera graduale essere abbandonata e tornare quindi alle normali abitudini.
Non sono in genere presenti suture da rimuovere, ne saranno necessarie medicazioni domiciliari.